Geometrie involontarie

Giornata10

Mi piacciono le geometrie involontarie che si creano nei panorami attorno a noi: linee che demarcano mondi inseparabili o staccionate costruite per dividere un campo dall’altro ma che allo sguardo separano cielo e terra.

A volte sono poligoni immisurabili che si creano con un secchio e una scopa messi apparentemente a caso ma che l’ordine cosmico mette dove debbono stare, a volte sono solo colori che si accostano e che dal contrasto o dall’armonia disegnano mondi nuovi ai miei occhi.

Avrei voluto avere con me la Nikon per fare decine di foto a quella staccionata, cogliere le rughe del legno in confronto all’azzurro liscio del cielo, fotografarla a cavalcioni per evidenziare il suo inutile scopo, trovare un punto in cui poterla mettere a fianco di un’immagine della grande muraglia e mostrare che ogni popolo costruisce muri con i materiali che ha, qui le assi di abete e la le pietre squadrate e i mattoni.

Ed è quando si costruiscono muri che si scopre quanto siano poco durevoli nel tempo, statue all’inutilità che nella geometria casuale riacquistano uno scopo più nobile, quello di deliziare lo sguardo e le riflessioni.

Anche quando stridono restituiscono armonia.

Lascia un commento