Fanel

Söl gris de ‘n dé
de na giurnada gnèca,
i è finamai strimìcc chèi ram
de le piantèle sö la ria;
par ch’i se rampèghe
‘n vers en ciel, zà smorsàt assé,
de n’inverèn ‘n d’i sò ligam.

E ac en ventesèl dispetùs
le scuassa i ram,
fin a fa scapà ‘n fanèl
riàt en sà a polsà de sfrüs:
“Dumà ‘n del brochelam
turne endré: a becà.”
el dis e ‘l vula vià.

Ancö i ram, ch’i parìa batèch,
i sè empinìcc de fiurilì bianch
e ’l gris del ciel adess,
col vensèl en pó vilanch
dré a le rie de le piane,
el lasa pasà el gamisèl
de na primaèra che lìa sö.

Sota le rame de le rie
bianche del bianch
sfarfalàt de töcc i fiurilì;
chel fanèl curiùs
‘n del sò becà gulùs
el léa content el vul
e ‘l va, de sul, vers el celest
a scaldas, ‘n del prim sul.

Sul grigio di una giorno
di una giornata scontenta,
sono perfino spaventati quei rami
delle piantelle sulla riva;
sembra che si arrampichino
verso un cielo già abbastanza spento
da un inverno nei suoi legami.

Ed anche un venticello dispettoso,
scuote i rami,
fino a far scappare un fanello
arrivato qui a riposare di frodo:
“Domani nello sterpame
torno indietro: a beccare”
dice e vola via.

Oggi i rami che sembravano battecche
si sono riempiti di fiorellini bianchi
e il grigio del cielo adesso,
col venticello un pò villano
lungo gli argini delle piane
lascia passare il gomitolo
di una primavera che si alza.

Sotto i rami delle rive
bianche del bianco
sfarfallato di tutti i fiorellini,
quale fanello curioso
nel suo beccare goloso
alza contento il volo
e va, da solo, verso il celeste
a scaldarsi, nel primo sole.

(Premio Vittoria Alata 23 aprile 2009)

Prima pubblicazione il: 19 August 2020 @ 12:01

Link all'articolo originale: http://www.gardanotizie.it/fanel/

Lascia un commento