estate

e cos’è quest’estate, che parte bene poi vaga nel dubbio? cos’è quest’onda che porta su e giu, questo credere e non credere, questa poca voglia di sorridere? come è difficile essere sè stessi in mezzo a quello che si vede come un buio cunicolo.. se la vita di tutti i giorni è vissuta come agonia e angoscia poi, se ne ricordano solo pochi vaghi momenti in cui si tira il fiato, e tutto sembra inutile e di poco conto, e tutto è fretta, e non ti fermi a guardare, per paura che non ci sarà possibilità di galleggiare. Nel mondo troppe persone si sono abituate a girare con la testa bassa, credendo che questo sia normale, che altro non gli spetti..ma se vedo il mondo dal basso mi sono perso la bellezza dell’insieme, quella forza che mi verrebbe dalla conoscenza e la padronanza di tutto. Per vivere in sicurezza, per gustare la calma. Per imporre con pareggio un pensiero, e non aver mai timore.

Link all'articolo originale: http://jacobertolini.blogspot.com/2008/08/estate.html