Duecentomila anni per la Posidonia oceanica.

E’ il sorprendente risultato dello studio condotto da un team di ricercatori guidati da Sophie Arnaud-Haond   dell’Università di Algarve, in Portogallo.  Dalla ricerca, che è stata pubblicata sulla rivista Plos One, emergerebbe infatti la presenza nel , tra Formentera e Ibiza, di una prateria di Posidonia che ha raggiunto una lunghezza di 15 chilometri, un peso complessivo superiore alle seimila tonnellate e che, in base alle stime sulla velocità di colonizzazione per clonazione (80 metri in 600 anni) , potrebbe risalire a circa 200.000 anni fa.  Anche la Posidonia, la pianta di gran lunga più importante per l’ecosistema marino del Mediterraneo, è in sofferenza: lo studio evidenzia infatti un decremento delle praterie del 5% annuo, un tasso ben superiore a quello della riproduzione per clonazione. Dopo essere sopravvissuta ai mammut e alla grande glaciazione, la Posidonia  rischia  di scomparire a causa dei rapidi mutamenti climatici causati dall’uomo.

Leggi l’articolo del Corriere

Tag:, , , , ,

Link all'articolo originale: http://www.aolamagna.it/2012/02/duecentomila-anni-per-la-posidonia-oceanica/

Lascia un commento