Due giorni in moto fra i più bei Passi Dolomitici (700 Km)

Dopo il bellissimo giro in moto di due giorni in Alto Adige della scorsa estate ecco il bis. Anche per l’estate 2011 ecco un altro meraviglioso giro fatto sulle due ruote che grazie al tempo sereno e allo splendido sole è stato veramente superlativo con una visione a 360° della zona del Sella e di altri numerosi passi affrontati nella zona Dolomitica.
Il percorso è stato di 700 km circa suddiviso in due giornate (10-11 agosto 2011) con tappa per il pernottamento nel paese di Siusi (BZ).
Ecco il giro nel dettaglio.
Partenza da Desenzano del Garda alle ore 7 percorrendo la Val D’Adige (passando da Affi) evitando l’autostrada e percorrendo la strada “normale” sul lato sinistro della Brennero (che risulta leggermente più assolato della strada statale presente sul lato destro). Nei pressi di Rovereto abbiamo svoltato per la salita verso la Folgaria per ridiscendere poi al Lago di Caldonazzo. Percorriamo un tratto di Valsugana fino a Borgo Valsugana per affrontare l’epico Passo Manghen (2.047 m) che lo si raggiunge grazie a una strada molto lunga e impegnativa (circa 27 Km) ma molto bella da percorrere.

Passo ManghenPasso Manghen

Una volta scollinato, la discesa verso Cavalese all’interno di un fitto bosco, è molto piacevole. Raggiunto Cavalese si prosegue per la Val di Fiemme per pochi chilometri per svoltare a sinistra per una nuova risalita. E’ la volta del Passo di Lavazè (1.805 m) dove sostiamo per il pranzo alla Malga Daiano.

Passo di LavazèPasso di Lavazè

Riprendiamo il cammino andando verso la Val D’Ega e Nova Levante per arrivare al bellissimo lago di Carezza.

Lago di CarezzaLago di Carezza

Poco prima del Passo di Costalunga si devia per Tires (con una visione sulla destra del gruppo del Catinaccio) per una splendida strada che porta fino alla zona di Fiè. Una puntatina al Lago di Fiè prima di fermarsi a Siusi per la notte. La cena decidiamo di farla al bellissimo e caratteristico Rifugio Tirler sull’Alpe di Siusi nella zona di Saltria (la strada per arrivare in cima all’Alpe è chiusa al traffico dalle 10 alle ore 17) affrontando un inedito e insolito giro in moto in notturna sull’Alpe di Siusi sotto un cielo limpidissimo e una temperatura intorno agli 8°. La mattina seguente si riparte per la seconda parte del giro.
Da Siusi si sale al Passo Pinei per scendere poi verso Ortisei e la Val Gardena. Arrivati a Selva seguiamo per il Passo Sella per iniziale il giro dei 4 passi (in senso antiorario).

Marmolada dal Passo SellaPasso Pordoi

Superato il primo passo arriviamo al Passo Pordoi e poi al Passo di Campolongo. Non chiudiamo il giro andando verso Passo Gardena ma puntiamo verso Corvara e la Val Badia per svoltare poi verso San Cassiano giungendo poi ad altri due meravigliosi passi: il Passo di Valparola e il Passo Falzarego.

Passo ValparolaPasso Fedaia

Al bivio per Cortina prendiamo per il Passo Pordoi per ridiscendere e raggiungere la strada che porta verso la Marmolada. Da qui parte la salita verso il Passo Fedaia e l’omonimo lago, un vero paradiso alpino con la Marmolada innevata a fare da cornice.

Lago Fedaia e MaromladaLago Fedaia

Tappa per il pranzo e discesa verso Canazei percorrendo tutta la Val di Fassa e la Val di Fiemme fino a Cavalese per rientrare verso Trento passando dalla Val di Cembra. A questo punto rientriamo a Desenzano del Garda per la stessa strada fatta il primo giorno.
Un giro sicuramente lungo ma ricco di soddisfazioni con i passaggi nei più belli e famosi passi dolomitici.

Ecco un piccolo album fotografico di alcuni passaggi (39 fotografie).

Di seguito le mappe dettagliate dei percorsi dei due giorni.

Il primo giorno da Desenzano del Garda all’Alpe di Siusi

Link all'articolo originale: https://marcorizzini.wordpress.com/2011/08/19/due-giorni-in-moto-fra-i-piu-bei-passi-dolomitici-700-km/

Lascia un commento