Depuratore del Garda, Foroni: Regione aperta a mediazione ma nessuna diretta competenza nell’approvazione dei progetti

“Nessuna diretta competenza regionale sulle scelte possibili per il depuratore del Garda”. Lo ha ribadito l’assessore al Territorio e Pietro Foroni.  “La – ha spiegato – non ha competenze dirette nella programmazione, approvazione e realizzazione dei progetti infrastrutturali del servizio idrico integrato ne’ tantomeno la loro localizzazione. Tali competenze sono infatti attribuite per legge all’Ente di governo dell’ambito, cioè la Provincia e il suo Ufficio d’ambito, in base all’art.158-bis del d.lgs 152/2006 (Codice unico dell’ambiente).

Nei mesi scorsi Regione Lombardia e’ stata sollecitata al fine di facilitare esclusivamente il confronto e la circolazione delle informazioni in merito al progetto di collettamento e depurazione delle acque reflue urbane delle aree di sponda del lago di Garda. Quindi, chi detiene le competenze decisionali in merito alla questione, nelle difficolta’ di trovare soluzioni e nelle relative polemiche territoriali, non scarichi le proprie responsabilità a Regione Lombardia attribuendo ad essa competenze per legge inesistenti”.

Link all'articolo originale: http://www.gardanotizie.it/depuratore-del-garda-foroni-regione-aperta-a-mediazione-ma-nessuna-diretta-competenza-nellapprovazione-dei-progetti/

Lascia un commento