Mese: Luglio 2012

CHE DIRE……..BELLISSIMA SERATA ALLA TRANS BENACO A PORTESE

Come di consueto abbiamo trascorso una favolosa serata con tanto divertimento, ottima compagnia, perfetta organizzazione (Willy and Co)  alla TRANS BENACO a Portese.

Un ringraziamento particolare, (oltre agli organizzatori che ci hanno ospitato ovviamente), al vespa club Brescia che come loro solito, ha risposto numeroso al nostro invito.

Che dire ci vediamo l’anno prossimo…………..

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://www.vespaclubdesenzanodelgarda.it/2012/07/che-direbellissima-serata-alla-trans.html

Buona giornata…. sprad permettendo

Ci sono delle giornate che sembrano passate senza aver fatto molto a livello operativo. La sera però, facendo il bilancio della giornata, ti rendi conto che comunque qualcosa di buono c’è stato.
Oggi ho conosciuto Corrado Ceschinelli e ne sono felice perchè mi ha fatto ricordare che in fondo ci sono tanti piccoli o grandi guerrieri al mondo che non hanno rinunciato a combattere per dei semplici ideali: combattono per il piacere di farlo. Si sentono appagati semplicemente per questo.
Non so se faremo qualcosa con Corrado, ma comunque mi ha fatto molto piacere conoscerlo ed aver ricevuto degli spunti di riflessione che sicuramente cercherò di approfondire.
Una voglia me l’ha fatta tornare….

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://feedproxy.google.com/~r/CorsaEdAltro/~3/zZNVIYiaOZ8/buona-giornata-sprad-permettendo.html

Buona giornata…. sprad permettendo

Ci sono delle giornate che sembrano passate senza aver fatto molto a livello operativo. La sera però, facendo il bilancio della giornata, ti rendi conto che comunque qualcosa di buono c’è stato.
Oggi ho conosciuto Corrado Ceschinelli e ne sono felice perchè mi ha fatto ricordare che in fondo ci sono tanti piccoli o grandi guerrieri al mondo che non hanno rinunciato a combattere per dei semplici ideali: combattono per il piacere di farlo. Si sentono appagati semplicemente per questo.
Non so se faremo qualcosa con Corrado, ma comunque mi ha fatto molto piacere conoscerlo ed aver ricevuto degli spunti di riflessione che sicuramente cercherò di approfondire.
Una voglia me l’ha fatta tornare….

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://feedproxy.google.com/~r/CorsaEdAltro/~3/zZNVIYiaOZ8/buona-giornata-sprad-permettendo.html

Cinque referendum democratici per davvero. Io ci sto!

Civati scrive su Prossima Italia:
“Dal momento che l’altra sera Bersani ha spiegato che le primarie da lui stesso indette non sono questione di sostanza (forse per via dei candidati, mah).
Dal momento che non ci è stato consentito di votare i nostri odg, sulla base di un non-regolamento – tautologicamente mai approvato – elaborato ad hoc.
Dal momento che qualcuno, come Fioroni, dice che lui ha vinto, che la partita è chiusa e che finalmente si va con l’Udc.
Dal momento che Rosy Bindi minaccia di “non togliere il disturbo fino alle prossime elezioni e oltre”, sostenendo che se non facciamo i bravi ci leva pure le unioni civili e possiamo anche levare il disturbo, noi.
Dal momento che, sempre Rosy Bindi, non sa contare i voti e i votanti, e forse per questo pretende che nelle sedi preposte non si voti affatto, mai.
Dal momento che tutto è rimandato, tranne che c’è sicuramente un candidato, e ci sono sicuramente i suoi comitati, e tutt’intorno si sviluppa un dibattito particolarmente poco interessante.
Tutto ciò premesso.
È venuto il momento (appunto) di trasformare il Pd nel partito degli elettori che avrebbe sempre dovuto essere.
Di superare formule, gherminelle e tric e trac e puntare dritti alla sostanza.
Di trasformare la retorica della partecipazione in qualcosa di reale e di concreto.
Per tutti questi motivi dichiariamo aperta la stagione referendaria del Pd, ai sensi dell’articolo 27 dello Statuto.
Cinque quesiti per evitare che gli elettori si consegnino definitivamente alle cinque stelle.
Cinque temi forti su fisco, diritti e matrimoni civili, ambiente, spesa pubblica e governo del Paese, da definire e precisare insieme, sotto il solleone, come un Sudoku democratico. Per poi passare all’azione, già da domenica.
Cinque referendum proposti e presentati dagli iscritti sulle questioni di sostanza (oh, yes), scritti e presentati in punta di diritto e quindi non precludibili, a cui potranno partecipare tutti gli elettori del Pd.
Cinque punti chiari per definire come sarà il progetto politico del nuovo centrosinistra.
Noi ci proviamo, e lanciamo l’appello a tutti gli uomini e le donne democratiche e di buona volontà, perché è un’impresa mai tentata prima, e perché o ci proviamo insieme, o meglio lasciar perdere.
Ci state? Facciamolo.”

io ci sto! 

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://andreavolpi.blogspot.com/2012/07/cinque-referendum-democratici-per.html

Festa patronale Santa Maria Maddalena 2012 a Desenzano

Pubblico volentieri i volantini relativi alla festa patronale di Santa Maria Maddalena Festinsieme della parrocchia del duomo di Desenzano. Per maggiori informazioni invito a fare riferimento al sito dell’evento www.festinsieme.it.

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://feedproxy.google.com/~r/blogspot/SCne/~3/kUkNUxbR5Pg/festa-patronale-santa-maria-maddalena.html

TRAMONTO SUL LAGO DI GARDA

Suggestiva immagine scattata da Gardone Riviera in direzione sud est sul lago di Garda. Le nubi si illuminano di caldi colori all’ora del tramonto…ma il sole è dalla parte opposta…strano fenomeno…

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://gardapanorama.blogspot.com/2012/07/tramonto-sul-lago-di-garda.html

TRAMONTO SUL LAGO DI GARDA

Suggestiva immagine scattata da Gardone Riviera in direzione sud est sul lago di Garda. Le nubi si illuminano di caldi colori all’ora del tramonto…ma il sole è dalla parte opposta…strano fenomeno…

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://gardapanorama.blogspot.com/2012/07/tramonto-sul-lago-di-garda.html

Perchè una settimana al villaggio è meglio del solo Sabato

Eccomi appena rientrata dal mare, con la voglia di raccontarvi le belle cose che ho visto in questi giorni: come sapete ogni tanto vi parlo di angoli di creatività e piccola imprenditorialità che meritano di essere conosciuti per le capacità e la visione. E’ il caso oggi del Villaggio il Gabbiano e della Masseria del […]

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://scrivoxvizio.wordpress.com/2012/07/20/perche-una-settimana-al-villaggio-e-meglio-del-solo-sabato/

Vespa Club Desenzano del Garda 2012-07-20 08:44:00

GRANDE APPUNTAMENTO DOMENICA 29.07.2012 PORTO DI PORTESE

 

 

 

 

Amici, anche quest’anno saremo graditi ospiti al grande evento della famosa regata Trans Benaco Cruise race. Ci aspettano numerosi con le nostre vespette Domenica 29.07.2012 nel piazzale del Circolo Nautico Portese (porto Portese) dalle ore 20.00 per le Premiazioni ai vincitori della regata. La serata sarà allietata con musica dal vivo, brindisi e buffet per tutti i regatanti ed amici vespisti.

 

MI RACCOMANDO vi aspettiamo numerosi (in vespa ovviamente)

 

 

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://www.vespaclubdesenzanodelgarda.it/2012/07/grande-appuntamento-domenica-29.html

Domenica 29 Luglio..nel cuore della Valle Sabbia

Link all’articolo originale: http://nordicwalkingdesenzano.blogspot.com/2012/07/domenica-29-luglionel-cuore-della-valle.html ———————Tag: Desenzano———————

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://nordicwalkingdesenzano.blogspot.com/2012/07/domenica-29-luglionel-cuore-della-valle.html

Il più grande libro del Pleistocene

Tra ieri sera e stamattina mi sono riletto il libro “Il più grande uomo scimmia del Pleistocene”. Sono 180 pagine che si leggono in un baleno di Roy Lewis. Non capita spesso che mi metta a recensire i libri che leggo ma questo ne vale la pena perché è un’ode all’innovazione.

Nel romanzo tutto incentrato sul cosciente e costante sforzo evolutivo di un individuo che si auto-definisce subumano (appartenente alla specie dell’homo habilis, credo) e che trascina nella sua corsa alla conquista della pianura (abbandonando gli alberi), alla scoperta del fuoco, della lavorazione della selce, dell’allevamento, dell’esogamia, dell’arco, dell’amore, dei vestiti e della pittura. Più che il tono comico della narrazione quello che più mi ha colpito è in questa seconda rilettura è l’analisi competente di alcune dinamiche proprie e attuali dell’innovazione: la curiosità rivoluzionaria degli uni, i timori reazionari degli altri.

La più grande questione sollevata verso la fine del racconto è la tensione tra la divulgazione gratuita e disinteressata della scienza per il progresso dell’umanità contrapposta allo sfruttamento dei vantaggi a breve termine conferiti dal monopolio della conoscenza soprattutto per sopraffare altre specie di ominidi, che non viene propriamente risolta (del resto resta un nodo da sciogliere ancora oggi).

Fa specie nella lettura schierarsi dal lato dell’innovatore per ovvi motivi (oggi è innegabile la bontà delle scoperte del fuoco e dell’arco, giusto per citarne alcune) ma notare che oggi ci schieriamo spesso dalla parte dei reazionari. Come dire che quello che abbiamo inventato nel passato, ci mancherebbe altro, è ovviamente buono, mentre ciò che potremmo inventare domani, chissà su quale rovinosa via ci porterà (pensiamo alla clonazione e all’energia nucleare, per fare i nomi di due delle più delicate questioni attuali).

Se cercate un’idea regalo per qualcuno dedito all’innovazione sia in chiave teorica che applicata, troverete in questo libro un’ottimo alleato, sempre che non preferiate leggervelo voi stessi. Tra una risata e l’altro c’è occasione di riflessioni più o meno profonde a seconda di come si affronti il libro.

Su aNobii ho già conferito le mie cinque stelle al libro.
L’immagine l’ho presa da qui.

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://feedproxy.google.com/~r/blogspot/SCne/~3/K_gGjinQonA/il-piu-grande-libro-del-pleistocene.html

Ancora bagnati

Anche stasera piove sulla nostra esibizione, era l’ultimo brano ma non ce l’ha voluto lasciar finire. L’assolo di chitarra di Skellington stava iniziando che le prime gocce già annunciavano che era meglio smettere: il tempo di salutare il pubblico e via a staccare tutto e mettere al sicuro gli strumenti…

Se vuoi leggere l’articolo originale, copia questo link:
http://blog.gigitaly.it/2012/07/ancora-bagnati.html