Mese: novembre 2010

Madre e figli

Ai miei figli (sono grandi) che mi prendono in giro, che mi insegnano a non cascarci, che mi fanno ridere, che mi commuovono, che mi lasciano vedere un bel mondo maschile…

Madre e figli

Ai miei figli (sono grandi) che mi prendono in giro, che mi insegnano a non cascarci, che mi fanno ridere, che mi commuovono, che mi lasciano vedere un bel mondo maschile…

Madre e figli

Ai miei figli (sono grandi) che mi prendono in giro, che mi insegnano a non cascarci, che mi fanno ridere, che mi commuovono, che mi lasciano vedere un bel mondo maschile…

Leggere

Leggere
Non riesco a saziarmi di libri. E sì che ne posseggo un numero probabilmente superiore al necessario; ma succede anche coi libri come con le altre cose: la fortuna nel cercarli è sprone a una maggiore avidità di possederne. Anzi, coi libri si verifica un fatto singolarissimo: l’oro, l’argento, i gioielli, la ricca veste, il palazzo di marmo, il bel podere, i dipinti, il destriero dall’elegante bardatura, e le altre cose del genere, recano con sè un godimento inerte e superficiale; i libri ci danno un diletto che va in profondità, discorrono con noi, ci consigliano e si legano a noi con una sorta di famigliarità attiva e penetrante.
Da una lettera di Francesco Petrarca a Giovanni Anchiseo

Leggere

Leggere
Non riesco a saziarmi di libri. E sì che ne posseggo un numero probabilmente superiore al necessario; ma succede anche coi libri come con le altre cose: la fortuna nel cercarli è sprone a una maggiore avidità di possederne. Anzi, coi libri si verifica un fatto singolarissimo: l’oro, l’argento, i gioielli, la ricca veste, il palazzo di marmo, il bel podere, i dipinti, il destriero dall’elegante bardatura, e le altre cose del genere, recano con sè un godimento inerte e superficiale; i libri ci danno un diletto che va in profondità, discorrono con noi, ci consigliano e si legano a noi con una sorta di famigliarità attiva e penetrante.
Da una lettera di Francesco Petrarca a Giovanni Anchiseo

Leggere

Leggere
Non riesco a saziarmi di libri. E sì che ne posseggo un numero probabilmente superiore al necessario; ma succede anche coi libri come con le altre cose: la fortuna nel cercarli è sprone a una maggiore avidità di possederne. Anzi, coi libr…

il vento del cambiamento

A Milano vengono nuovamente caricati gli studenti che manifestano, a Bologna la protesta anti-Gelmini occupata l’autostrada A14, a Roma il Governo viene battuto su un emendamento pro-ricerca dei finiani. La mente va ai racconti del ’68 di mia madre che…

Si preannuncia una giornata nera

Alla camera dei Deputati in approvazione il DDL Gelmini sull’Università e al Consiglio Regionale della Lombardia legge regionale per la privatizzazione (di fatto) dell’acqua.
Se tutto andrà come deve andare sarà davvero una giornata nera…

Radio+Internet=Personalizzazione

La radio è la più datata tra le tecnologie di informazione e intrattenimento. E’ nata ben prima della tv e ovviamente di Internet.
Tuttavia non sembra conoscere crisi. Un tempo si pensava che la televisione l’avrebbe fatta dimenticare, ma non si erano fatti i conti con l’autoradio…
Oggi quasi tutti i network radiofonici trasmettono anche su internet, addirittura ampliando la loro offerta con canali tematici (es. Rock classico, musica italiana ecc.), ma l’incontro tra Web e radio non è solo una questione di mezzo trasmissivo. Le caratteristiche di partecipazione attiva tipiche della rete globale sono entrate nella struttura passiva della radio (ascolti cosa decide il Dj).
Sono nate “stazioni radio” che risiedono solo su siti internet, le quali permettono all’utente di ascoltare musica scelta in base ai propri gusti o al proprio umore.
L’esempio più famoso è Last.fm: si scelgono i propri artisti preferiti e si ascoltano canzoni scelte tra essi e tra artisti affini, permettendo quindi di ascoltare musica che piace e contemporaneamente conoscerne nuova.
Un altro network simile è Jango, in questo caso completamente gratuito.
Un’idea diversa sta alla base di Stereomood: in questo caso si sceglie il proprio umore e viene proposta una playlist adeguata.
A quando autoradio con queste stazioni incorporate?

Radio+Internet=Personalizzazione

La radio è la più datata tra le tecnologie di informazione e intrattenimento. E’ nata ben prima della tv e ovviamente di Internet.
Tuttavia non sembra conoscere crisi. Un tempo si pensava che la televisione l’avrebbe fatta dimenticare, ma non si erano fatti i conti con l’autoradio…
Oggi quasi tutti i network radiofonici trasmettono anche su internet, addirittura ampliando la loro offerta con canali tematici (es. Rock classico, musica italiana ecc.), ma l’incontro tra Web e radio non è solo una questione di mezzo trasmissivo. Le caratteristiche di partecipazione attiva tipiche della rete globale sono entrate nella struttura passiva della radio (ascolti cosa decide il Dj).
Sono nate “stazioni radio” che risiedono solo su siti internet, le quali permettono all’utente di ascoltare musica scelta in base ai propri gusti o al proprio umore.
L’esempio più famoso è Last.fm: si scelgono i propri artisti preferiti e si ascoltano canzoni scelte tra essi e tra artisti affini, permettendo quindi di ascoltare musica che piace e contemporaneamente conoscerne nuova.
Un altro network simile è Jango, in questo caso completamente gratuito.
Un’idea diversa sta alla base di Stereomood: in questo caso si sceglie il proprio umore e viene proposta una playlist adeguata.
A quando autoradio con queste stazioni incorporate?

Radio+Internet=Personalizzazione

La radio è la più datata tra le tecnologie di informazione e intrattenimento. E’ nata ben prima della tv e ovviamente di Internet.
Tuttavia non sembra conoscere crisi. Un tempo si pensava che la televisione l’avrebbe fatta dimenticare, ma non si erano fatti i conti con l’autoradio…
Oggi quasi tutti i network radiofonici trasmettono anche su internet, addirittura ampliando la loro offerta con canali tematici (es. Rock classico, musica italiana ecc.), ma l’incontro tra Web e radio non è solo una questione di mezzo trasmissivo. Le caratteristiche di partecipazione attiva tipiche della rete globale sono entrate nella struttura passiva della radio (ascolti cosa decide il Dj).
Sono nate “stazioni radio” che risiedono solo su siti internet, le quali permettono all’utente di ascoltare musica scelta in base ai propri gusti o al proprio umore.
L’esempio più famoso è Last.fm: si scelgono i propri artisti preferiti e si ascoltano canzoni scelte tra essi e tra artisti affini, permettendo quindi di ascoltare musica che piace e contemporaneamente conoscerne nuova.
Un altro network simile è Jango, in questo caso completamente gratuito.
Un’idea diversa sta alla base di Stereomood: in questo caso si sceglie il proprio umore e viene proposta una playlist adeguata.
A quando autoradio con queste stazioni incorporate?

Radio+Internet=Personalizzazione

La radio è la più datata tra le tecnologie di informazione e intrattenimento. E’ nata ben prima della tv e ovviamente di Internet.
Tuttavia non sembra conoscere crisi. Un tempo si pensava che la televisione l’avrebbe fatta dimenticare, ma non si erano fatti i conti con l’autoradio…
Oggi quasi tutti i network radiofonici trasmettono anche su internet, addirittura ampliando la loro offerta con canali tematici (es. Rock classico, musica italiana ecc.), ma l’incontro tra Web e radio non è solo una questione di mezzo trasmissivo. Le caratteristiche di partecipazione attiva tipiche della rete globale sono entrate nella struttura passiva della radio (ascolti cosa decide il Dj).
Sono nate “stazioni radio” che risiedono solo su siti internet, le quali permettono all’utente di ascoltare musica scelta in base ai propri gusti o al proprio umore.
L’esempio più famoso è Last.fm: si scelgono i propri artisti preferiti e si ascoltano canzoni scelte tra essi e tra artisti affini, permettendo quindi di ascoltare musica che piace e contemporaneamente conoscerne nuova.
Un altro network simile è Jango, in questo caso completamente gratuito.
Un’idea diversa sta alla base di Stereomood: in questo caso si sceglie il proprio umore e viene proposta una playlist adeguata.
A quando autoradio con queste stazioni incorporate?

Film Festival del Garda

Il Filmfestival del Garda è un evento creato in collaborazione con l’Associazione Culturale Cineforum Cinit Feliciano e Filmagazine.it. il webzine di critica ed informazione cinematografica diretto da Alberto Pesce. Il Filmfestival del Garda ha scelto come sedi delle proiezioni il Cinema Nuovo Eden di Brescia e il Vittoriale degli Italiani di Gardone Riviera. Circa 40 […]

Il ritorno del dinosauro

Intervista a PIERO DORFLES autore del saggio IL RITORNO DEL DINOSAURO Giovedì 2 DICEMBRE 2010 ore 20,30 SALA ORATORIO via Galvani 5 (vicino piazza Biolchi) POLPENAZZE del GARDA da IBS.it Piero Dorfles appartiene a una generazione che è cresciuta e si è formata prima dell’avvento dei computer. Per certi versi è un dinosauro, anche se […]