Dalle carte del ’45 un libro per raccontare gli Alleati sul Garda

Lago di Garda, primavera 1945. Dopo la fuga di Mussolini,  nel palazzo della Presidenza del consiglio della Rsi a Bogliaco scompaiono quadri antichi, arazzi del ’600 e un’opera di inestimabile valore di Jusepe de Ribera (lo Spagnoletto), «Giobbe nel letamaio».  Nulla verrà più ritrovato.

Poi sul Garda arrivano gli Alleati. I liberatori sono alla ricerca di documenti e carte negli archivi del regime repubblichino, che dopo essere stati visionati e ripuliti da ufficiali fascisti esperti nel settore, subivano l’assalto – scontato – di ufficiali e di agenzie alleate, specializzate nel recupero di documenti.

Quei giorni tra fine aprile e il maggio 1945 sono raccontati nel libro «Saccheggio sul lago. I documenti perduti della Rsi» del gargnanese Bruno Festa.

Oggi alle 21 nella piazzetta del porto di Gargnano, l’autore illustrerà i momenti più importanti della presenza degli Alleati, che sul Garda concentrarono quasi metà dei «Monuments Men» operativi in Italia, vale a dire 10 su 22.

L’articolo completo è sul Giornale di Brescia in edicola oggi, scaricabile anche in formato digitale.

Link all'articolo originale: https://www.giornaledibrescia.it/garda/dalle-carte-del-45-un-libro-per-raccontare-gli-alleati-sul-garda-1.3294545

Lascia un commento