Dai traghetti alla strada della Forra: l’estate sul Garda sta andando bene

Il 2022 del Garda è migliore del 2019. Quantomeno se si considerano i dati dei flussi di navigazione delle acque.

Alla fine di luglio sono già un milione e 400mila i passeggeri dei traghetti che hanno percorso il Benaco in lungo e in largo, un dato già superiore al periodo prepandemia. Nell’ultimo anno prima dell’emergenza sanitaria i passeggeri che avevano solcato le acque del Garda erano stati 2 milioni e mezzo: l’obiettivo è dunque quello di bissare e persino superare quel risultato. 

Ma i numeri del 2022 sono già importanti: 17 linee che attraversano tutto il bacino, 128 corse dei traghetti, 55mila veicoli transitati e 42mila biciclette. A testimonianza di un rinnovato interesse del grande turismo per il più grande lago italiano.

Per il viceministro alle Infrastrutture Alessandro Morelli sono ottimi segnali di ripresa. Morelli oggi ha incontrato il prefetto Maria Rosaria Laganà e i vertici del Gestore Governativo della Navigazione Laghi in un tavolo che non ha evidenziato grandi problemi. Restano il nodo sicurezza e l’esigenza di definire normative sulla navigazione lacustre dopo l’aumento del traffico e l’incremento di incidenti e casi di cronaca (fra tutti, l’incidente nautico di un anno fa a Portese che ha aperto un dibattito politico sul tema). Un impegno che vedrà impegnati governo ed ente di gestione. Quest’ultimo vuole anche migliorare sempre di più il servizio, puntando sullo sviluppo sostenibile.

Siamo stati in due punti molto turistici del lago di Garda per vedere come sta andando l’estate da quelle parti. Ecco cosa abbiamo trovato.

La ciclopedonale di Limone sul Garda

EMBED [LIMONE, PASSEGGIARE…SULL’ACQUA]

Ciclisti e pedoni si incontrano a tutte le ore del giorno sulla ciclopedonale di Limone sul Garda, passerella a sbalzo sul Benaco che, con i suoi 2 chilometri di passeggiata, è diventata un’attrazione immancabile per tanti turisti. A confermare quanto la ciclopedonale piaccia sono i numeri dei passaggi: da luglio 2018 a settembre 2021 sono stati circa un milione, che sono cresciuti di altri 600mila negli ultimi nove mesi. 

Da quando il tratto a sbalzo è stato aperto, con i suoi paesaggi mozzafiato, più volte si è parlato di un suo ampliamento e, addirittura, della realizzazione della ciclovia del Garda, con un anello su tutta la costa del Benaco. Certo, ci sono di mezzo tre provincie e tre regioni diverse, ma l’investimento, visto il grado di apprezzamento, potrebbe essere nuovo motore per il turismo lacustre. 

La strada della Forra

EMBED [LA MAGICA STRADA DELLA FORRA]

È stata riaperta a fine maggio, dopo più di un anno di chiusura, e da più di due mesi è tornata a essere un’attrazione naturalistica e paesaggistica, degna della definizione di «ottava meraviglia del mondo» che le è stata data da Winston Churchill. Stiamo parlando della strada della Forra, che dalla Gardesana porta a Tremosine. I primi dati sui passaggi quotidiani sono davvero incoraggianti: seimila al giorno, che arrivano fino a settemila nel weekend.

Così la proloco di Tremosine ha deciso di investire ancora di più in promozione e in eventi: un primo risultato è quello che la strada della Forra sia entrata nella top five dei luoghi del cuore della Lombardia. Diverse poi le iniziative che si possono già seguire e quelle che verranno proposte per il prossimo autunno lungo la strada che è stata set anche di un film di James Bond. 

Link all'articolo originale: https://www.giornaledibrescia.it/garda/dai-traghetti-alla-strada-della-forra-l-estate-sul-garda-sta-andando-bene-1.3757795

Lascia un commento