Compensare i limiti delle Dynamic Views

Pochi giorni fa Google annuncia sette nuove modalità di strutturare il proprio blog e le chiama Dynamic Views. Nella loro semplicità questi modelli sono molto belli, ma molte delle possibilità di personalizzazione sono andate perse. Non c’è la sidebar, non c’è il footer… In pratica resta il titolo e descrizione, i bottoni di condivisione e l’archivio in una modalità nuova fatta di anteprime e titoli. Nell’attesa che vengano reintegrati tutti questi elementi, l’unica maniera per recuperare un po’ sul fronte è sfruttare meglio le pagine statiche, introdotti lo scorso autunno da Blogger.

Le pagine non sono affette dal modello scelto, quindi qui ci muoviamo sulla roccia e possiamo lavorare come eravamo abituati con il solito Html. Gli elementi come il profilo dovremo però costruirceli noi. Non dubito che però nel giro di qualche settimana si trovino in giro blog che spiegano come inserire palliativi ai vari elementi andati perduti. Intanto che però questo avvenga, io mi metterò a fare un po’ di esperimenti. Se dovessero andare a buon fine vi faccio sapere.

Aggiornamento del giorno dopo:
Dopo una serie di sperimentazioni, constato che il sistema è ancora pieno di bug. Se non avete fretta, aspettate a passare alle dynamic views…

Lascia un commento