Challenger

Mi ha fatto riflettere un post che ho appena letto da Diana, uno dei TriO Challenger, ma soprattutto quanto risposto da Alessandro: sarai sempre una Challenger!

Tutti noi saremo sempre dei Challenger. E’ questo che ci rende vivi. Non possiamo pensare di vivere sugli allori, tantomeno in questa fase storica: un diploma, una laurea, una buona posizione lavorativa, dei risultati sportivi ottenuti, sono utili ma non sono abbastanza per il futuro.
Serve un continuo impegno nel voler migliorarsi, mettersi alla prova, porsi dei nuovi obiettivi per aver nuovi stimoli. Nello sport, negli hobby, nelle passioni e nel lavoro.

E poi non deve esistere “Quando potrò permettermi di rallentare”, “Quando andrò in pensione”, etc. Avete la possibilità di fare qualcosa che vi piace? Non aspettate. Fatelo adesso: dopo potrebbe essere troppo tardi! Niente alibi. Niente scuse.

P.S. Per cui Corain vai con la scuola di cucito!

Link all'articolo originale: http://feedproxy.google.com/~r/CorsaEdAltro/~3/iqtQ36h2Ivo/challenger.html

Lascia un commento