Cappuccio e volto coperto non salvano i furbetti della monnezza

Ha pensato che cappuccio in testa e volto celato potessero bastare: si è sbagliato. Le telecamere mobili lo hanno immortalato senza possibilità di errore, la Polizia locale è ben presto arrivata a lui e altrettanto presto è arrivata la sanzione. È solo l’ultimo esempio della lotta senza quartiere (e senza confini comunali) contro l’abbandono selvaggio dei rifiuti messa in atto dal Comando intercomunale di Polizia locale operativo su Lonato, Calcinato e Bedizzole.

Fondamentale il supporto delle telecamere portatili: lo conferma l’assessore all’Ecologia e alla Sicurezza di Calcinato, Stefano Vergano: «Nei giorni scorsi, solo nel nostro paese, sono stati individuati e identificati tre trasgressori, tutti già sanzionati». Nel fermo immagine si vede il momento in cui uno dei trasgressori viene colto sul fatto: «Le telecamere sono così performanti da consentire l’individuazione del trasgressore a prescindere da qualsiasi tentativo di camuffamento».

E le sanzioni, per lui e per gli altri individuati grazie alle telecamere mobili, sono il massimo del previsto: 206 euro. Il minimo, 50 euro, è applicato solo a casi minori.

Tutti i dettagli sull’edizione del Giornale di Brescia in edicola oggi, domenica 12 maggio, scaricabile anche in formato digitale

Link all'articolo originale: https://www.giornaledibrescia.it/brescia-e-hinterland/cappuccio-e-volto-coperto-non-salvano-i-furbetti-della-monnezza-1.3362074

Lascia un commento