Biometano, dopo Leno in stand by anche Bedizzole

Il caso Leno mette in dubbio anche l’impianto per l’organico che A2A intende realizzare a Bedizzole. Giovedì la Provincia ha infatti stoppato l’impianto per il trattamento della frazione umida dei rifiuti urbani che la Biometano srl vorrebbe costruire nella parte sud di Leno, vicino alla cascina Gatti.

Impianto in grado di trattare 47mila tonnellate l’anno. L’iter di quell’impianto è solo all’inizio. Il vertice di quattro giorni fa doveva stabilire se fare o non fare la Valutazione d’impatto ambientale (Via).

Ma insieme a questo nodo i tecnici del settore Ambiente del Broletto hanno sollevato un altro tema: la sentenza del Consiglio di Stato n. 1129 del 28 febbraio 2018 ha stabilito che solo l’Unione europea (con regolamento) o il Ministero dell’Ambiente (con decreto) possono emanare i criteri «end of waste», ovvero stabilire quando un rifiuto cessa di essere tale e diventa un prodotto.

Tutti i dettagli sull’edizione del Giornale di Brescia in edicola oggi, 28 gennaio 2019, scaricabile anche in formato digitale.

Link all'articolo originale: https://www.giornaledibrescia.it/garda/biometano-dopo-leno-in-stand-by-anche-bedizzole-1.3334902

Lascia un commento