Acqua: un profetico blog sanfeliciano del ‘78

Il consiglio nella vignetta qui in fianco per risparmiare  mi pare ottimo, anzi, lo sottoscrivo pienamente e con convinzione, facciamolo tutti, uniremo così l’utile al “dilettevole“, anzi, dilettevolissimo. :-P

Questo suggerimento viene dal lontanto 1978, da un gruppo di profetici e lungimiranti ragazzi di San Felice che sotto il nome di IRIDEA – Associazione per i Diritti dell’Uomo e dell’ stampavano e distribuivano volantini ciclostilati proprio sul tema dell’acqua, i cui contenuti sono ancora oggi impressionantemente attualissimi, guardare per credere.

Volantino 1

(cliccare sulle immagini per ingrandirle)
FronteRetro

Volantino 2

(cliccare sulle immagini per ingrandirle)
FronteRetro

Io non ne sapevo nulla di questo gruppo e qualche sera fa mi è stato fatto il prezioso dono di due loro volantini originali.

Sì lo so, nel ‘78 non c’erano i blog, però se ci si  pensa, anche se in versione cartacea in realtà può essere considerato come un blog.

Ma dai, non sono simpaticamente profetici?
Quindi amici della combriccola di IRIDEA, adesso vi abbiamo scoperto, quindi fuori i nomi, vogliamo sapere chi eravate!
:-D

A parte gli scherzi, riflettendoci spero che qualcuno di loro abbia fatto carriera politica e sia ancora convinto di quello che scrissero:

… è evidente che a questo nostro impegno collettivo deve corrispondere un uguale impegno di coloro che sono delegati ad amministrare il nostro Comune.
Quello che chiediamo loro è:

  1. ridurre al minimo possibile le perdite delle tubature dell’acquedotto;
  2. un’informazione costante alla popolazione sulla qualità dell’acqua destinata al consumo umano.

Se ci pensiamo bene è di fatto ciò che stiamo chiedendo tutti in questi giorni alle istituzioni.

In fondo la filosofia che ci guida tutti è sempre la stessa, ben descritta in questo aforisma:

La terre ne nous est pas donnée par nos parents,
elle nous est prêtée par nos enfants.
(Antoine de Saint-Exupéry)

… che tradotto in italiano recita:

La terra non ci è stata donata dai nostri genitori,
ci è stata prestata dai nostri figli.
(Antoine de Saint-Exupéry)

Lascia un commento