A Treviso il Brescia Marca male

Il Brescia perde ancora e lo fa male: il 3 a 0 che non ammette repliche sul campo del Treviso (che fino a ieri navigava nei bassifondi della classifica) è una sconfitta che fa meditare.

Qual è il vero Brescia? Quello di inizio stagione che dominava gli avversari o quello balbettante e nervoso (troppe le espulsioni) che continua a subire gol degli ultimi turni ? Credo che nessuo abbia la risposta, nemmeno Cosmi, ieri probabilmente deluso dai suoi ragazzi per la prima volta da quando è a Brescia.

Sono convinto che questa sconfitta sarà salutare, ma non sarà facile uscire da questa . Secondo me il Brescia dovà rivedere il modo di stare in campo, perchè non dimentichiamo che abbiamo perso almeno tre partite che potevamo pareggiare (Mantova, Spezia e Albinoleffe) e che sono andate male per aver cercato il massimo della posta in palio. Tre punti in più a questo punto non avrebbero fatto male, anzi, avrebbero ridimensionato la crisi.

Il calendario adesso prevede due difficili quanto importanti partite al Rigamonti (Chievo e Modena) e una serie di partite con squadre di classifica medio-alta (Frosinone, Rimini, Ascoli) che potrebbero rilanciare o sminuire paurosamente i nostri sogni di gloria.

E’ quindi una fase molto delicata e per farlo servirebbe l’aiuto del pubblico almeno al Rigamonti; ma forse per questo chiedo troppo, vista l’affluenza delle partite precedenti.

Chiudo con il discorso infortuni: Martinez e Taddei sono due oggetti misteriosi (nel senso che non si sa quando e se li recupereremo, in quanto il valore dei giocatori non si discute); Bazzani è sceso in campo qualche volta, ma Cosmi ormai gli sta preferendo Feczesin che, per quanto bravo, è ancora giovane per sopportare il peso di un campionato così lungo. Meno male che per adesso regge Highlander Zambelli, di cui temevo gli infortuni degli anni scorsi. Le incognite non sono poche, anche perchè non esiste una vera valida alternativa ai due centrali di difesa Zoboli e Mareco.

La società farebbe bene ad interrogarsi su questo: se si vuole veramente la A forse a gennaio occorrerebbe muoversi sul mercato…Staròm a èder.

Zambelli rincorre l’avversario senza riuscirci: l’immagine del Brescia attuale

Link all'articolo originale: http://fabiozeni.wordpress.com/2007/11/25/a-treviso-il-brescia-marca-male/

Lascia un commento